Lino Sonego Team Italia: Tenersi stretto il podio a San Pietroburgo

Nella seconda giornata di regate a San Pietroburgo il Lino Sonego Team Italia si tiene stretto il podio con i denti in un susseguirsi di cambi al vertice e di regate al fotofinish. The Wave, Muscat si prende la testa della classifica a discapito del Red Bull Sailing Team, ma la notizia importante per i nostri colori è il secondo giorno consecutivo sul podio delLino Sonego Team Italia che oggi ha messo in paniere altre due vittorie di manche, un risultato che tiene alto il morale della squadra, tallonata da due top team come SAP Extreme Sailing Team e Gazprom Team Russia.

E’ la conferma di quello che di buono è stato fatto ieri, una seconda giornata di buone prestazioni con due vittorie di manche, un record per il team italiano capitanato dallo skipper Enrico Zennaro – che schiera al timone l’esperto Arnaud Psarofaghis – un’esperienza quella di San Pietroburgo per il Lino Sonego Team Italia che sta portando i frutti di una stagione di studio, dove partire da zero ha messo a dura prova le prestazione della matricola italiana. Oggi si sono visti degli ottimi spunti in fase di manovra, due vittorie non arrivano per caso, il gruppo ha lavorato bene e ha messo in chiaro che anche le matricole possono fare la voce grossa. Una partenza in sordina due belle prove e nella penultima prova una piccola incertezza in partenza, ben otto prove oggi, chiuse con una vittoria schiacciante, insomma la classifica per ora premia il Lino Sonego Team Italia e lo posiziona in terza posizione, davanti cambio al vertice per le due super potenze del circuiti, il leader The Wave, Muscat e Red Bulla Sailing Team. Dietro il Lino Sonego Team Italia si trovano ora i danesi di SAP Extreme Sailing Team ed i russi di Gazprom Team Russiam, seguiti Oman Air, Gac Pindar e dai turchi di Team Turx. La presenza a pochi metri dal vivo della regata da parte in folto pubblico ha reso ancora più avvincenti queste regate, lo spettacolo non manca di certo e l’adrenalina è il giusto condimento per chi ammira le evoluzioni di questi Extreme 40.

A San Pietroburgo il ruolo di timoniere è rivestito da Arnaud Psarofaghis,oggi al termine della prima giornata ha commentato positivamente il buon risultato: “Sono molto contento della giornata di oggi, abbiamo regatato bene e molto tranquilli, tranne nella penultima prova dove c’è stata un pò di bagarre con il team turco, ci siamo persi in quel duello, compromettendo il risultato finale, per fortuna poi nella prova successiva abbiamo vinto l’ultima prova di giornata e siamo rimasti sul podio. Le prestazioni della barca sono buone ed il team anche se naviga insieme praticamente da tre giorni sta dando il massimo e i risultati si vedono, è un podio meritato anche se sarà veramente difficile mantenere questa posizione.

A fargli eco il co-skipper e team manager Giorgio Martin: “Siamo contenti per questo buon momento del team, il clima a bordo è rilassato le cose girano bene e devo dire che i ragazzi si stanno comportando molto bene, dobbiamo rimanere concentrati perchè non sarà facile rimanere sul podio, ci sono due team alle nostre spalle che sono sempre tra i primi nelle varie tappe ed hanno molta più esperienza di noi nel circuito. Qui a San Pietroburgo abbiamo dovuto, per impegni degli altri ragazzi, cambiare ancora le carte in tavola, gli innesti sono di alto livello, il timoniere ha una grande esperienza in questi catamarani e le prestazioni sono molto buone, siamo al giro di boa, mancano ancora due giorni e una quindicina di prove da disputare.

La regata sarà ospitata dallo Yacht Club San Pietroburgo. Saranno disputate un massimo di otto prove ogni giorno. Da domani prenderà vita anche il villaggio regate che sarà aperto sull’isola di Zayachii presso la fortezza di Pietro e Paolo.
classifica: http://www.extremesailingseries.com/results

L’intervista ad Enrico Zennaro al termine del Day 2

Lascia un commento