Tp 52 World Championship: Azzurra sempre più leader

Una giornata da incorniciare per il team di Azzurra che con un secondo ed un primo posto nella mini-costiera mette a segno un affondo da grande fiorettista, spaccando in due la classifica generale, quattordici punti di vantaggio sul secondo Bronenosec e sedici sul terzo Alegre che oggi ha vinto la prima prova. Questa giornata ha messo in luce la grande forza del team italiano nel Mondiale TP52 a Puerto Portals, terza tappa delle 52 SUPER SERIES.

Il Mondiale TP52 di Puerto Portals ha sempre di più un leader, che risponde al nome di Azzurra, squadrone degli armatori argentini Pablo e Alberto Roemmers, condotto da Guillermo Parada nel ruolo di timoniere e da Vasco Vascotto vero genio della tattica. Due regate perfette per la barca azzurra che ha dimostrato il grande valore di tutto il team, compagine che ormai regata insieme da diversi anni, un gruppo coeso e di grande spessore. La giornata odierna ha visto brillare anche Alegre, imbarcazione del suo timoniere armatore Andres Soriano che oggi ha messo a segno una bella vittoria nella prima prova ed un sesto posto nella costiera. Da menzionare sicuramente Bronenosec che con costanza ha tenuto botta alla corazzata Azzurra, con un quinto ed un secondo posto di manche si prende la seconda piazza nella classifica generale, sarà felice il suo timoniere-armatore Vladimir Liubomirov. Quantum risale la classifica e si trova ad un passo dal podio. Platoon fa vedere ancora qualcosa di buono, non si ripete Provezza dopo l’exploit di ieri, Phoenix non riesce ad esser costante, Ràn fuori regata, sembra non riuscire ad avere il giusto passo. Una menzione per Xio Hurakan che nella seconda prova, quella costiera, ha mantenuto per due lati la testa della regata grazie all’intuito del suo tattico, Tomasso Chieffi, atleta di fama mondiale con molta esperienza su questo campo di regata.

La prima prova, vede subito una gran bagarre per il pin, Platoon forza e Quantum quasi si ferma per non prendere la boa del controstarter, al centro Azzurra sembra subito molto veloce insieme ad Alegre. Si sale lungo la bolina ma qualche forzatura penalizza Ràn, Platoon e Bronenosec, gli umpires in acqua non perdonano, la flotta rimane sempre compatta. Alegre gira in testa e Azzurra a poche lunghezze, bagarre al primo incrocio, la poppa sembra definire le gerarchie. Non ci sono grossi cambi di posizioni in questa prima manche, Alegre vince davanti ad Azzurra di mezza lunghezza, il cardiopalma è sempre in agguato, Platoon si infila davanti a Quantum alla stessa maniera del vincitore. Bronenosec e Gladiator chiudono a metà plotone, per i russi mantenere la media servirà a fine giornata.

E’ la volta delle regata costiera, quasi 20 miglia nello specchio d’acqua tra Palma de Mallorca e Portals, si parte davanti al Porto di Palma verso Portals, si torna indietro come in un bastone e poi si va verso Marivent, si torna verso l’isola di Sech e poi verso l’arrivo di fronte al porto di Portals. Xio Hurakan, condotta da Marco Serafini parte alla grande, Tommaso Chieffi fa la chiamata giusta e la barca italiana si trova in testa per i due lati del primo bastone, Azzurra incalza e Vasco Vascotto cerca l’attimo giusto, dopo il cancello di poppa per prendere la testa ed allungare, Xio Hurakan resiste anche all’attacco di Bronenosec ma poi finisce nella bagarre che Quantum domina all’inseguimento dei primi due, non a caso le barche in testa sono gemelle: Azzurra e Bronenosec. Quantum e Platoon fanno la parte del leone, grande rimonta al passaggio dell’unica isola da girare in programma. Azzurra vince con distacco una regata importantissima sia per la classifica sia per il morale, Bronenosec seconda anche nella classifica generale, Platoon e Quantum tengono il passo.

Vasco Vascotto (ITA), tattico Azzurra (ITA): “Abbiamo navigato bene e ritrovato quella velocità della barca che nei giorni scorsi ci è mancata un poco, questa è per noi la notizia più importante. Siamo molto soddisfatti, adesso dobbiamo saper restare tranquilli e concentrati al tempo stesso, in queste situazioni c’è il rischio di abbassare la guardia, e gli altri non stanno certo a guardare”.

Francesco Mongelli (ITA), navigatore di Bronenosec (RUS): “E’ stata bella lunga questa short, quasi tre ore di navigazione, siamo andati molto bene nel complesso. Nella prima, delle ottime scelte di Michele ci han permesso di rientrare dopo una penalità subita nella prima bolina. La costiera è andata bene, siamo consapevoli che la barca è veloce, facendo le cose giuste ci troviamo sempre tra i primi. La costiera era come un bastone lungo, nessun traverso, ma con questo sistema la regata è rimasta più aperta. Azzurra è molto veloce e navigano veramente bene.”

Tommaso Chieffi (ITA) tattico Xio Hurakan (ITA): “Un pò dura da accettare questo nono posto nella lunga, è stato un mio sbaglio nella seconda bolina, volevo chiudere su Vasco e sono stato un pò affrettato. Siamo riusciti a tenere Platoon per una parte delle regata. Nella seconda poppa non ha funzionato il retriver e siamo andati un pò lunghi, potevamo raccogliere qualcosa in più, la nota positiva e che siamo riusciti ad esser davanti almeno per due lati, domani si vedrà”

Lascia un commento