Lo Snipe di Tom e Giulio Stahl si aggiudica il Festival delle derive

Il recupero del Festival delle Derive propone un sabato ventilato con un fresco scirocco sui 10/12 nodi, percorso rimodellato per restare in Perognola e non intralciare il traffico lagunare in una giornata splendida e calda, certo che anche la Perognola è ormai un’autostrada e la regata è diventata quasi una gara di “orienteering” tra le barche all’ormeggio; la forte corrente ci mette del suo e il percorso si rivela forse troppo lungo e faticoso soprattutto per i derivisti meno esperti e le barche in singolo.

10 le imbarcazioni presenti, 2 Tridenti, 2 470, 1 420, 1 Europa e 4 Snipe, partenza controvento e vanno subito in testa i regatanti più esperti, la regata si profila come un duello tra lo Snipe di Tom e Giulio Stahl e quello di Massimo Zambonin con Cristina Breggion, l’incognita sarà il rating dell’Europa di Daniela Berto e quello dei Tridenti. Nel corso della regata Cocodè dei Stahl allunga soprattutto nelle andature portanti sull’altro Snipe sociale di Zambonin –Breggion, grande rincorsa del 470 di Alberto Tiozzo e Daniele De Cata molto veloce ma penalizzato dall’assenza di trapezio e spinnaker, qualche difficoltà per Daniela Berto alle prese con il suo “indiavolato” Europa mentre pian piano prendevano confidenza con il mezzo Diego Munari e Stefano Maniero.

A circa metà percorso si registravano i ritiri del 470 XENIA con Guido Crivellaro e Mirco Telandro, del 420 Libertà trasformatosi in vasca da bagno per Andrea Sambo e Federica Poli e del Tridente della LNI Padova. Dopo quasi un’ora e mezza di regata le prime imbarcazioni si avvicinavano all’arrivo posto in prossimità dell’Ottagono, vittoria in reale per Tom e Giulio Stahl davanti a Massimo Zambonin e Cristina Breggion, poi il 470 di Tiozzo e De Cata e ancora gli Snipe con Roberto Miotto e Alessandro Mogniato e quello con Jacopo Stahl e Annalisa Dupuis, poi ancora l’Europa di Daniela Berto e il Tridente di Diego e Stefano.

Con i compensi calcolati con i numeri di Yardstick qualche sorpresa, scende ovviamente il 470 che ha il rating calcolato sull’utilizzo dello spy, sale al 5° posto l’Europa di Daniela ma sale soprattutto il Tridente di Diego Munari che si dimostra barca eccellente per la formula del Festival e raggiunge il 3° posto alle spalle dei 2 Snipe sociali.

Clicca qui per la classifica.

 

Lascia un commento