ORCi World Championship, a Barcellona è testa a testa nella prima giornata

Il caldo ha fatto suo il campo di regata della prima giornata del Campionato del Mondo ORC 2015organizzato dal Real Club Nautico de Barcelona, ma è valsa la pena aspettare la piacevole brezza per vedere le due belle prove  a bastone che tutte le Classi hanno potuto disputare con vento costante.

Le posizioni di testa si sono giocate in termini di secondi, in tempo compensato. Le nazioni rappresentate nelle posizioni di testa nelle diverse classifiche sono Italia, Spagna, Lettonia, Estonia e Svizzera con i leader delle Classi B e C che hanno chiuso la giornata paripunti.Dopo il ritardo alla partenza la termica salita gradualmente ha consentito alle barche della classe A di chiudere un percorso di due giri su un bastone di 8,6 miglia. Il TP 52 è subito balzato in testa alla flotta ma chi era sul lato sinistro del campo ha avuto vantaggi da un forte salto di vento.

Il GP42  Team Vision Future di Jean Jacques Chaubard(Svi) skipperato da Mikael Mergui, era tra questi e ha vinto con ben 1:43 di vantaggio in tempo compensato. I margini tra i successivi due erano molto stretti solo 16″ tra lo Swan 42 Random Research Ulika di Andrea Masi (Ita) e lo Swan 45 Rats on Fire di Rafael Carbonell (Spa) skipperato da Manuel Doreste.

Nella seconda regata la brezza si è fatta più decisa fino ad arrivare a 16 nodi, tanto da permettere ai TP52 e ai GP42  di volare e portarsi alla testa della flotta. Il Campione del Mondo 2013 Marco Serafini (Ita) sul suo TP52 Xio ha fatto sua la regata chiudendo con 1’12” di vantaggio in tempo corretto sul  Campione del Mondo in carica Alberto Rossi(Ita) sul suo TP52 Enfant Terrible Minoan Lines. Secondo sulla linea di arrivo con 24 secondi in tempo compensato è arrivato il TP 52 THA 72 di Kevin Whitcraft (Tai). Sulla base di un 3-2 di giornata Rossi guida la classifica dopo due prove con un solo punto di distacco da Xio e due da THA72.

“La prima gara di oggi è stata davvero difficile” ha detto Thommaso Chieffi, tattico a bordo Xio. “Ci siamo aggrovigliati  con un gruppo sul lato destro del campo, quando la sinistra si è dimostrata vantaggiosa per le barche su quel lato. Penso che la prima regata di ogni giorno sarà difficile , perché ci sarà sempre il vento instabile che avvantaggia le barche più piccole e più leggere , che sono grado di virare in modo più rapidamente. Il Comitato di Regata ha fatto un ottimo lavoro con i tempi delle regate tra una classe e l’altra  quindi non ci sono stati problemi. Comunuqe i giochi sono aperti e tutto può succedere in queste regate, sono veramente difficili. “

In Classe B è stato spettacolo con una lotta serrata tra i due leader che hanno chiuso la giornata alla testa della classifica, dopo le due prove. Lo Swan 42 Pez de Abril diJose Maria Meseguer (Spa) ha dominato la prima gara con 34 secondi di vantaggio su un percorso di 6,25 miglia, infliggendo una sconfitta al leggendario campione spagnoloPedro Campos sul suo Swan42 Movistar, con altri 22 secondi aggiunti dal tempo in compensato.

Ma i due non sono stati altrettanto veloci nella seconda regata che è stata vinta da Giumat, l’IMX 45 di Flavio Trusendi (Ita) timonata da Francesco Cruciani. Il suo margine su un percorso di 7,44 miglia con 11 nodi di vento è stato di soli 23 secondi su Koyama , l’ XP 44 di  Bern Kammerlander (Ing) skipperato da Inaki Castener, che a sua volta aveva solo 6 secondi di vantaggio su Amber Miles l’XP 44 di Vadim Lakimenko (Let), mentre Movistar e Pez de Abril hanno chiuso al 4° e 5°posto rispettivamente. Nella classifica finale di giornata Campos e Meseguer sono paripunti, 6 con Lakimeno in terza posizione con 8 punti.
Nella prima regata della Classe C è bastata una brezza leggera a Low Noise, di Giuseppe Giuffrè (Ita) skipperato da Duccio Colombi per vincere la gara, ma con soli 15 secondi di vantaggio in tempo compensato su Comet@ il Vrolijk 37 di Lluis Blanchar (Spa) su un percorso breve di 4,7 miglia, e alri due secondi in tempo compensato hanno diviso Comet@ dal terzo l’X37Solventis di Alberto Moro (Spa).
Nella seconda regata, con una brezza più decisa, il campione del mondo Sugar 2, NM38 di Ott Kikkas (Est) timonato da Sandro Montefusco ha vinto la gara con 49 secondi di vantaggio in tempo compensato su
Solventis, con il campione del mondo 2012 e 2013. Enzo del Blasio (Ita) sull’ NM38 Scugnizza in terza posizione per soli 16 secondi di ritardo su un percorso di 5,5 miglia. Anche in classe C situazione paripunti tra i primi due in classifica Low Noise e Solventis seguito da Sugar 2 con 7 punti di distacco.

Le previsioni meteo di oggi sembrano più favorevoli per un inizio nell’ora programmata, quindi si disputeranno altre due regate a bastone.

La gallery con le foto di Max Ranchi


Lascia un commento