Giraglia Rolex Cup, una tradizione che continua

Una straordinaria flotta di oltre 270 imbarcazioni da circa venti paesi sono iscritte alla 63ima edizione dell’attesissima Giraglia Rolex Cup, che prenderà il via venerdì.

La flotta internazionale include non solo un caleidoscopio di diverse nazionalità, ma anche un’ampia gamma di yacht da 30 a 100 piedi, con equipaggi completamente professionisti e dilettanti, squadre a due e solitari, team con un ricco pedigree e altri al loro debutto in questa regata.

L’attività inizierà venerdì con una breve regata notturna da Sanremo a Saint Tropez, l’inaugurazione di questo vivace festival velico che dura una settimana. Poi i concorrenti saranno impegnati in tre giorni di regate costiere a Saint-Tropez (da domenica 14 a martedì 16 giugno), dove avranno la possibilità di affinare le loro competenze in un ambiente competitivo in vista dell’evento principale, la più antica regata d’altura del Mediterraneo che condurrà la flotta su un percorso di 243 miglia nautiche fino a Genova con passaggio dalla scoglio della Giraglia. L’evento, ricco di tradizione e carico di entusiasmo, apre la stagione europea di Rolex yachting.

Esimit Europa 2 detiene il record regata della Giraglia Rolex Cup con un tempo di 14 ore e 56 minuti registrato nel 2012. L’equipaggio pan-europeo del Maxi di 100 piedi di Igor Simčič ha conquistato gli onori di linea nelle sue ultime quattro partecipazioni a questa regata e partirà come favorito assoluto per la vittoria sul traguardo di Genova.

L’altro yacht di 100 piedi della flotta è il Wally Cento di Sir Lindsay Owen-Jones Magic Carpet Cubed (GBR), con un altro equipaggio che vanta un ottimo pedigree avendo conquistato gli onori di linea nel 2013. La serie Maxi 72 da regata, tra cui Jethou di Sir Peter Ogden (GBR), Shockwave di George Sakellaris (USA),Robertissima III (ITA) di Roberto Tomasini Grinover, Caol Ila R (USA) di Alex Schaerer e il nuovissimoMOMO (IVB) di Dieter Schoen, saranno sicuramente altri agguerriti protagonisti nella parte anteriore della flotta.

Un altro concorrente che spera d’intaccare il record di regata è Lionel Péan con il Volvo 70 SFS. “Siamo entusiasti di confrontarci con rivali di alto livello, tra cui un gran numero di Maxi,” spiega Péan. “Spingeremo sulle prestazioni ancora più rispetto allo scorso anno e siamo desiderosi di mostrare un miglioramento. Speriamo di avere un po’ di Maestrale durante il ritorno per tentare una sfida al record di regata.”

Le ultime quattro edizioni della regata sono state vinte da squadre francesi o svizzere. La lista dei vincitori del 2015 include: Alizée di Laurent Camprubi (2013) e Foxy Lady di Dominique Heyraud (2011). Il considerevole contingente di equipaggi italiani è a caccia del suo primo successo nazionale da sette anni a questa parte, dopo il trionfo di Marco Paolucci al timone di Tartaruga nel 2008.

Nel mondo delle regate d’altura, la Giraglia è relativamente breve ma intensa. Le edizioni recenti sono state caratterizzate da condizioni varie, alcune veloci con vento forte, altre con brezze leggere che hanno richiesto pazienza e astuzia tattica. Entrambi gli scenari mettono alla prova le capacità e la preparazione degli equipaggi, in particolare i solitari e gli equipaggi a due. Sebbene il loro obiettivo principale sarà finire la regata, i circa 25 equipaggi singoli e doppi saranno ispirati dal duo su Night and Day che vinse il titolo assoluto della Rolex Fastnet Race nel 2013. Un chiaro esempio del fascino senza tempo delle regate offshore.

Lascia un commento