Trofeo Città di Jesolo, primo posto per due atleti della Compagnia della Vela Venezia

Bel tempo, vento, 14 atleti in gara e una coppia di velisti della Compagnia della Vela Venezia diversamente abili che si aggiudica il tredicesimo trofeo Cittá di Jesolo. Gli ingredienti c’erano tutti e non ha deluso le attese il terzo Trofeo Team Race classe 2.4 organizzato dall’associazione Uguali nel Vento in collaborazione con la Compagnia della Vela, il Comune e il Porto Turistico della Marina di Jesolo.
Quattordici gli equipaggi iscritti che sono stati suddivisi in sette squadre che si sono affrontati in 6 match race incrociati in un campo di regata disegnato su 4 boe davanti allo specchio di mare della zona Faro di Jesolo.

Nella prima giornata di “voli” sfide regolari e poco vento hanno delineato una classifica che poi si é confermata anche nella giornata di domenica quando le condizioni in mare e di regata sono decisamente cambiate con un vento da NE di 12 nodi che é aumentato fino a 19-20 nodi con onda formata che per i 2.4 é diventato molto penalizzante ed ha spinto i giudici, anche per motivi di sicurezza, di chiudere la regata dopo solo due match race che non hanno, quindi, cambiato la classifica del sabato e le posizioni.
Tra i quattordici equipaggi sette erano gli atleti diversamente abili che hanno partecipato a questa specialissima regata che ogni anno, grazie all’associazione Uguali nel Vento, consente di regatare assieme atleti normodotati a quelli diversamente abili.

Il conteggio finale dei match race disputati ha determinato questa classifica finale: prima la coppia formata da Marco Colinetti e Stefano Maurizio (Compagnia della Vela e soci Uguali nel Vento)con 6 match race vinti su 6 prove disputate. Secondo posto per Cristiano D’Agaro (societá Triestina Vela) e Zoltan Pegan (Sailability Hubgary) con 5 voli vinti e anche in questo caso equipaggio composto da atleti diversamente abili. Terzo posto per Angelo Boscolo (Cvfpv) e Paolo Bianchini (Circolo Vela Mestre) con 4 match race, atleti, in questo caso, normodotati.
Gli altri equipaggi erano formati da Elena Polo D’Ambrosio (LNI Milano) unica donna in gara e Stefano Garganico (LNI Milano); Diego Cukaric e Walter Stemberger (Uljanik Providba Pula); Gianni Genovese e Carlo Vianello (Circolo Vela Mestre); Giorgio Curzi (LNI Porto San Giorgio) e Roberto Fasolato (Circolo Vela Mariclea). La coppa Fabio Amadi é stata assegnata al velista ungherese Zoltan Pegan.

“Un grazie va a tutti coloro che hanno contribuito ad organizzare questa manifestazione – é stato il commento di Ruggero Vilnai, presidente del Cip Veneto- solo due societá sono impegnate nel proporre vela per atleti diversamente abili nella provincia di Venezia. Servirebbe un maggior aiuto anche finanziario, magari dalla Regione Veneto, per promuovere e aiutare queste manifetsazioni e le associazioni come Uguali nel Vento. L’approccio allo sport per disabili é cambiato culturalmente negli ultimi anni, é diventato un’opportunitá e anche uno spettacolo come han dimostrato le ultime Paraolimpiadi. Ci piacerebbe poter organizzare più gare per questi atleti che, come avete visto, in mare con i 2.4 non hanno nulla da invidiare ai normodotati”.

Le premiazioni di rito hanno concluso la manifestazione. A consegnare il trofeo Cittá di Jesolo é intervenuta l’assessore comunale al turismo di Jesolo Daniela Donadello.