Vela a scuola 2015, gli alunni coinvolti in una esercitazione sulla sicurezza

L’Ufficio Circondariale Marittimo di Caorle in collaborazione con Circolo Nautico Porto Santa Margherita , ha organizzato oggi, giovedì 28 maggio, un’esercitazione di soccorso e recupero di un naufrago alla deriva.

L’iniziativa, fortemente voluta dalla locale Capitaneria di Porto e dal CNSM, si inserisce nel calendario 2015 del progetto Vela a Scuola, patrocinato da oltre quindici anni dall’Amministrazione comunale di Caorle, che vede coinvolti i ragazzi delle classi V elementare e II media dell’Istituto Comprensivo Scolastico “A. Palladio”.

Il progetto è partito come di consueto ad aprile, con le prime lezioni teoriche presso la palestra, per spostarsi poi nella Spiaggia di Levante presso la Base a Mare CNSM con le lezioni pratiche sulle imbarcazioni della scuola vela: Laser singoli e Bahia collettivi, con i quali i ragazzi hanno avuto l’opportunità di imparare a condurre un’imbarcazione a vela. Tutte queste attività si sono svolte all’interno delle ore dedicate all’attività motoria scolastica.

Questa mattina, intorno alle ore 11.00 i ragazzi della II C della “A. Palladio”, distribuiti tra il gommone di assistenza CNSM e un Bahia erano appena usciti in mare, quando un lampo rosso ha illuminato il cielo. La simulazione era stata organizzata senza informare i ragazzi, che hanno prontamente reagito interpellando l’istruttore su come comportarsi.

L’istruttore Gian Alberto Marcorin ha fatto rotta immediata verso una zattera (che era ormeggiata per l’occasione in vicinanza della Chiesa della Madonna dell’Angelo) e dalla quale era partito il razzo di richiesta soccorso, verificando che a bordo si trovava un naufrago. L’istruttore ha quindi incaricato uno dei ragazzi di allertare via radio la Capitaneria di Porto, che ha avviato le procedure di recupero.

Un po’ emozionato il ragazzo alla radio, ha però subito capito come comportarsi e ha interagito con le forze dell’ordine per coordinare il recupero, non prima di essersi accertato sullo stato fisico del naufrago.
Sul luogo si sono recati i mezzi e gli uomini della Capitaneria di Porto che hanno recuperato il naufrago.

Per i ragazzi del Palladio è stata sicuramente una lezione diversa dal solito, che ricorderanno a lungo, forse prendendo spunto per approfondire a scuola i temi legati alla sicurezza in mare. Per la Capitaneria di Porto di Caorle e il Circolo Nautico Santa Margherita, un’occasione per mettere alla prova uomini e mezzi.

Una gallery con alcune immagini dell’esercitazione

Lascia un commento