Gavitello d’argento, le danesi affilano le prue

Da venerdì a domenica gli X-35 tornano in acqua per darsi battaglia fino all’ultima virata in occasione del Trofeo Gavitello d’Argento che da anni rappresenta un must della stagione sportiva riservata all’avvincente One Design del cantiere X-Yacht e che per l’edizione 2015 sarà valido anche per l’assegnazione del titolo tricolore. Non solo, dopo il successo della prima edizione a squadre del prestigioso evento dello Yacht Club Punta Ala, anche quest’anno le danesi confermano la partecipazione al Challenge Trophy Bruno Calandriello con una squadra tutta all’insegna del bel monotipo e  formata da Dolcenera del duo Bisti-Lallai, Linux di Andrea Palleschi e dall’Alessandria Sailing Team di Paolo Sena a bordo di Spirit of Nerina. Per l’occasione, dal 5 al 7 giugno, la squadra degli ‘X-men’ correrà con il guidone del Circolo Nautico Follonica.

‘L’anno scorso avevamo partecipato come ulteriore warm-up in vista della tenzone iridata di Sanremo, quest’anno torniamo perché già conquistati dall’eccellente organizzazione dello storico Yacht Club Punta Ala e dallo splendido campo di regata, nell’innovativa formula a squadre che rompe la ‘routine’ della monotipia torniamo indietro nel tempo alle regate giovanili di team’ ha raccontato il presidente della II^ Zona FIV e co-armatore di Dolcenera Giuseppe Lallai.

Mentre l’agone monotipi in programma questo fine settimana si tingerà di dieci sfumature di rosa, tante quante sono le veliste che si avvicendano a bordo di Be Blue II con l’equipaggio tutto femminile di Alessandra Gagnatelli e Licia Bologna (Yacht Club Sestri Levante) che ammette quale unica presenza maschile, ma non a bordo, il coach Cristiano Giannetti.

Infine, nella corsa al tricolore, l’uomo da battere è il sanremese Alessandro Solerio su Lelagain con Branko Brcin alla tattica, pluri-iridato e campione nazionale in carica. Promettono di dargli battaglia, oltre agli alessandrini e ai toscani Carlo Arsi e Giuseppe Lallai che giocano nelle acque di casa, anche Ave Maria di Malilli Balbo, vice campione nazionale.  

Lascia un commento