Volvo Ocean Race: L’est paga per Dongfeng

Nell’ultimo report di ieri, i giovani di Team Alvimedica erano ancora in testa con un margine di sole 2 miglia e mezzo ma, durante la notte la barca nera e arancio ha continuato a perdere posizioni e questa mattina si è assistito a un ribaltamento della leadership. l gruppo che si era tenuto più a est, guidato da Dongfeng Race Team ha approfittato di un vento più intenso, intorno ai 10/12 nodi, mentre più a ovest dove navigano Team Alvimedica e il leader della calssifica generale Abu Dhabi Ocean Racing, la brezza è stata più leggera.

Il lupo solitario, separato dal gruppo, solo e libero di cacciare. Siamo a diverse miglia dai nostri avversari, ed è la prima volta nella regata che siamo dei lupi solitari. Non ci sono dubbi che tutti abbiano ormai adottato la mentalità del gruppo, tutti navigano vicini a distanza di AIS, controllando i movimenti l’uno dell’altro.” Ha scrittooggi in un blog Mark Towill da Team Alvimedica.“Allontanarsi dal gruppo è un’opportunità e un rischio al tempo stesso. Fin dall’inizio del giro la nostra strategia è stata abbastanza conservativa, siamo stati nella pancia della flotta e abbiamo preso dei rischi calcolati. Quindi la nostra posizione attuale è un po’ insolita. Ma è in momenti come questi che deve venire fuori la forza mentale, per riuscire ad avere successo.”

In testa alla flotta si è dunque portato il team franco/cinese guidato da Charles Caudrelier ha mantenuto un buon passo e ora ha un vantaggio di poco più di 6 miglia sugli olandesi di Team Brunel, che hanno visto confermata la bontà dell’opzione est presa fin dalle prime battute della tappa.

Dongfeng Race Team ha già dimostrato in passato di essere velocità in queste condizioni e in questa andatura ed è possibile che continui a guadagnare terreno. Ma la tappa è ancora lunga e la strategia futura non semplice, come racconta Sam Greenfield, l’Onboard reporter della barca con bandiera cinese “Ero seduto di fianco a Pascal (Bidegorry, il navigatore) ieri sera, mi ha dato delle notizie interessanti con il software di navigazione. Attualmente ci sono due rotte possibili, una che porta dritta a Newport attraverso una grossa bolla di alta pressione oppure si può scegliere di portarsi a ovest e passare dai Caraibi. I nomi dei luoghi sono affascinanti: Guadalupa, St. Barths… mica male. “Ma sono 500 miglia dalla rotta ortodromica” ha detto Pascal. “Dobbiamo decidere fra 6 ore su qualcosa che succederà fra dieci giorni. Le condizioni sembrano buone ma dovremo fare più strada, non so…”

In terza posizione gli spagnoli di MAPFRE, distanziati di 7,5 miglia e quarte le veliste di team SCA, a poco più di 14 miglia dai leader. “La Bibbia dice che Dio riposo il settimo giorno. Ecco, per noi non c’è riposo di domenica… E’ stato un giorno stabile per noi, siamo riusciti ad essere veloci e a tenere la rotta che volevamo.” Racconta Francisco Vignale da bordo di MAPFRE. “Ma Dongfeng naviga così veloce che a ogni report (ogni 4 ore) ci ha preso un mezzo miglio. E’ una situazione un po’ deprimente non sapere perché e come riescano ad avere sempre un po’ di velocità in più. Sarà l’albero nuovo, o la randa?”

Team Alvimedica è quinto a 14,6 miglia mentre Abu Dhabi Ocean Racing chiude la flotta a 16 miglia, ma nell’ultimo report delle posizioni i due Volvo Ocean 65 fanno registrare un nodo di velocità in più rispetto ai battistrada. Matt Knighton: “Il nostro split dal gruppo è stato volontario e involontario. Il vento ha continuato a girare, fino a 25 gradi a destra, creando una situazione per cui il resto della flotta a est ha avuto un angolo migliore e un’aria più fresca. Salendo in coperta per il suo turno con un ottimismo incorruttibile, Ian però ci ha ricordato che in altre tappe c’erano stati distacchi molto maggiori e che le posizioni possono cambiare ancora. Nella quarta tappa Brunel aveva un vantaggio di 50 miglia, noi nella prima ne avevamo uno di quasi 80, ma poi verso la fine si sono rifatti tutti sotto…”

I primi si trovano a poco meno di 3.650 miglia dall’arrivo, a sud-est di Recife, e per capire cosa potrà succedere nelle prossime ore bisognerà vedere quando vicino alla costa si porteranno i leader e se le previsioni meteo, che indicano una intensificazione della brezza saranno confermate. Le ultime proiezioni dicono che la flotta potrebbe concludere la sesta tappa a Newport fra il 6 e l’8 maggio dopo, 17/19 giorni di navigazione.

L’avanzamento della flotta, con posizioni aggiornate ogni tre ore, può essere seguito grazie allo strumento del tracker all’indirizzo http://www.volvooceanrace.com/en/virtualeye.html oppure con le app per smartphone e tablet.

Lascia un commento