Le antivegetative, novità e tecniche al Treviso Sailing Club

Una serata burrascosa, con vento teso e pioggia battente, secondo voi può fermare i velisti e farli desistere dal partecipare ad un incontro organizzato da e presso il Treviso Sailing Club? Certo che no!

E puntualmente la sala riunioni della sede TSC in via Terraglio 81, si è riempita di armatori e appassionati di vela, interessati al tema della serata: “Le antivegetative, novità e tecniche”.

Si sono affrontati in dettaglio temi quali: tipologie di prodotto, tempistiche, metodi di stesura, tipo di biocidi presenti nelle varie formulazioni, legislazioni e normative che le regolamentano e cenni storici sui primi metodi usati per combattere uno dei fenomeni che più interessano l’opera viva (la parte immersa nell’acqua) della nostra barca: il fouling.

Il fatto di sapere che già dopo un minuto dall’immersione in acqua, uno scafo subisce le aggressioni di particelle organiche (proteine), che dopo alcune ore da batteri e microflora e che solo dopo una settimana si formano alghe e si annidano protozoi e diatomee, fa capire quanto sia importante scegliere il prodotto più adatto al tipo di barca e alle caratteristiche dell’acqua ove questa è immersa.

Grado di salinità, presenza o meno di correnti che la movimentano, profondità e temperatura, esposizione al sole, sono le variabili principali che entrano in gioco.

Non si è mancato di parlare anche di studi avanzati, di idro-dinamicità, durabilità dei prodotti, metodologie di manutenzione, tecniche e costi di ripristino.

Una serata all’insegna della “cultura velica” per conoscere pienamente un tema così importante dove l’intrecciarsi di interessanti quesiti e di esaurienti risposte date dai due tecnici intervenuti, ha fatto si che la mezzanotte sia arrivata in un batter d’occhio.

Complimenti per la chiarezza e la disponibilità agli esperti tecnici e consulenti della Ditta Stoppani (gruppo Lechler spa) Luca Celibelli e Andrea Catalani ed un ringraziamento agli amici di Nautilandia Shop di Quarto d’Altino per l’aiuto alla realizzazione dell’evento. Un successo quindi la prima delle molte serate tecniche in programma.

Lascia un commento