Anche Ottobre Blu va in archivio, si guarda al 2015

A circa due mesi dal fortunale che ha colpito Chioggia, costringendo A.S.PO. ad annullare la sesta edizione dell’evento, il Presidente del Comitato Organizzatore com.te Oscar Nalesso, ha riproposto il 12 e 13 dicembre scorso, due giornate dedicate alle “Donne da Mare”, tema di Ottobre Blu di quest’anno.

Oltre all’analisi della figura femminile di terre bagnate dal mare, il vecchio scalo di Isola Saloni è stato quest’anno protagonista della manifestazione, in un’ottica di rivalutazione globale non solo di quest’area.

Nell’incontro di apertura di venerdì, dedicato proprio alle “Donne da Mare”, molto significativi e toccanti sono stati gli interventi della Professoressa Macrina Marilena Maffei, antropologa, fiabologa e studiosa di cultura marinara, e di Monsignor Dino De Antoni, Arcivesovo Emerito di Gorizia, che hanno coinvolto i presenti, consentendo di scoprire protagoniste del passato – le donne da mare – forti, complesse e uniche, che non dobbiamo dimenticare, ma scoprire e riscoprire, rendendole nostre, per non perdere il senso vero e profondo dei luoghi.

Per le Pari Opportunità, l’Assessore Barbara Penzo e Alessandra Nigri, Presidente Consulta del Comune di Chioggia, hanno altresì parlato delle Donne da Mare protagoniste ed artefici della famiglia e della società moderna. Madrina dell’evento è stata l’ufficiale donna della Marina Militare, il Tenente di Vascello Antonietta Gennaro.

Sabato 13, in collaborazione con l’Università Sapienza di Roma – Dipartimento Architettura e Progetto, è stato presentato Il convegno dal titolo “Porto e Città Insieme. Verso il nuovo Piano Regolatore Portuale di Chioggia” .

Un’analisi che ci ha condotto verso il futuro assetto portuale di Chioggia, attraverso un’ampia rigenerazione urbana con un progetto di architettura che ha posto al centro della riflessione progettuale la città e le sue relazioni con il mare e la laguna.

In tale sede è avvenuto il conferimento del “XXIII Barbotin d’Oro” al Ph.D. Ingegner Massimo Sessa, Presidente Reggente Consiglio Superiore Lavori Pubblici; riconoscimento che viene assegnato annualmente a persona, associazione, ente od azienda che abbia con fatti, idee o iniziative contribuito a promuovere e divulgare lo scalo clodiense. Non a caso, come location per la “Serata Ottobre Blu” è stata scelta la Palazzina Servizi Portuali in Isola Saloni, elegantemente e magistralmente allestita dal personale dell’Azienda Speciale per il Porto di Chioggia.

A.S.PO., Chioggia Terminal Crociere s.r.l e Camera di Commercio di Venezia, durante la consueta serata conclusiva, hanno riproposto i temi della manifestazione, alla presenza dei suoi artefici, protagonisti e collaboratori; promuovendo nel contempo nuove iniziative e consolidando ancor più legami di partnership.

Un ringraziamento speciale alla Marina Militare che, oltre a consentire con la collaborazione dei suoi uomini e delle Unità Navali la realizzazione dell’evento, quest’anno in particolare modo grazie alla presenza della Fregata “Espero”, nella persona del Comandante Salvatore Damiano e del suo equipaggio che ha supportato A.S.PO., instancabilmente e con la massima professionalità, per ristabilire, nell’emergenza, sicurezza e funzionalità dell’area.

Anche questa sesta edizione di Ottobre Blu, quindi si è conclusa, grazie all’ apporto di tutti coloro che hanno creduto e partecipato vivamente, calorosamente e con forza. Perché, alla base di Ottobre Blu c’è principalmente la promozione del porto e dell’economia di Chioggia, il suo sviluppo ed il suo rilancio.

Arrivederci al prossimo anno con Ottobre Blu 2015: “Chioggia tra Tagliamento e Delta del Po: Storia, Cultura, ed Economia”.

Lascia un commento