46ma Barcolana, gli iscritti arrivati a quota 484

Le iscrizioni alla Barcolana, in programma il 12 ottobre a Trieste, raggiungono quota di 484 alla fine della seconda giornata. Anche oggi la sede della Società Velica di Barcola e Grignano ha visto un afflusso di partecipanti alla regata notevolmente superiore agli scorsi anni, un trend ancora da confermare, ma che per il momento rende entusiasti gli organizzatori.

I primi eventi
Domani, venerdì 3 ottobre dalle 19, la Barcolana alza il sipario: dalle 19, al Salone degli Incanti, aperitivo in musica al Salotto.Vienna @Barcolana. La festa, aperta al pubblico, vuole essere l’occasione per celebrare insieme l’apertura del ricco calendario di eventi che accompagneranno la Coppa d’Autunno

Sabato 4 ottobre alle 10, sempre al Salotto.Vienna @Barcolana (Salone degli Incanti) si svolgerà l’incontro con il progettista Federico Lenardon e Giorgio Ferluga del cantiere Alto Adriatico che spiegheranno al pubblico il progetto Come nasce una barca e alle 11 la presentazione della mostra fotografica “I Tir dell’Adriatico” curata dal giornalista Claudio Erné.

Barcolana Young
Sono oltre 300 i preiscritti per la Barcolana Young, il primo degli eventi in calendario dedicato alla classe Optimist, in programma sabato e domenica sul Molo IV del porto Vecchio. L’evento sarà presentato domani, venerdì 3, alle 12 nella sede della Fondazione CRTrieste.

Barcolana fun
Sempre domani arriveranno a Trieste i kitesurfer capoverdiani, il windsurfer e i wakeboarder ospiti della Svbg in occasione di Barcolana Fun e dell’evento di wakeboard in programma sabato sera lungo il canale di Ponterosso dalle 19 alle 21. Per quanto riguarda la chiamata di Barcolana Fun per windsurf e kitesurf, gli organizzatori stanno valutando le condizioni meteo per scegliere la migliore finestra per dare il “semaforo verde” all’evento. Domani alle 18 verrà resa nota la prima decisione, ovvero se l’evento si svolgerà sabato o nei giorni seguenti. La manifestazione registra anche la collaborazione della Polizia Municipale di Trieste, che si è messa a disposizione per utilizzare in maniera “creativa” gli autovelox, ovvero per misurare la velocità dei windsurfer nell’ambito del contest in Bacino San Giusto.

 

Lascia un commento