Arrivata a Venezia la più grande barca ‘solare’ al mondo

La ‘Turanor PlanetSolar’, la prima imbarcazione ad aver portato a termine il giro del mondo utilizzando solo l’energia solare, è arrivata a Venezia ed è ora ormeggiata all’isola della Certosa. Il molo veneziano sarà la sede di ormeggio permanente per i prossimi sei mesi. La scelta della marina della Certosa conferma l’affidabilità del porticciolo, testimoniando come l’isola sia ormai riconosciuta quale esempio virtuoso di riqualificazione e sostenibilità ambientale sostenibile di un bene pubblico demaniale grazie ad un partenariato pubblico-privato.

A dieci anni dall’avvio del progetto – ha dichiarato nell’occasione Alberto Sonino, amministratore di Vento di Venezia, la società che sta curando il recupero della Certosa – stiamo iniziando la seconda fase di apertura al pubblico, con un porticciolo, una piccola attività ricettiva, un cantiere e un parco in corso di realizzazione“. “Siamo onorati – ha proseguito – della presenza di questa barca che ha fatto il giro del mondo senza consumare una goccia di carburante: ci piacerebbe che fungesse da stimolo per utilizzare una parte dell’esperienza che ha maturato per le barche da diporto, per quelle destinate al trasporto di linea, oltre che per i taxi e le barche commerciali, almeno per il bacino del centro storico“.

Sul tema è intervenuto anche l’ammiraglio Tiberio Piattelli della Capitaneria di porto. “La normativa – ha confermato – in effetti non regola ancora bene questo tipo di imbarcazioni per l’Italia. Spero anch’io che questa barca stimoli gli organi competenti a spingere per portare avanti questo tipo di attività“. L’arrivo di PlanetSolar a Venezia, unica tappa italiana dopo la campagna 2014, da’ il via a un percorso semestrale condiviso tra il catamarano solare e la Città di Venezia che, grazie alla partnership con ‘Vento di Venezia’ permetterà l’organizzazione nel prossimo inverno di visite ed eventi coerenti con la mission di sensibilizzazione sulla sostenibilità ambientale e sull’innovazione tecnologica, a partire dalla consegna a bordo, domani, del premio ‘Green Drop’, in occasione della Mostra del Cinema.

Il 7 settembre la barca sarà ormeggiata in Riva degli Schiavoni per la Regata Storica. “Dopo il giro del mondo – ha concluso il comandante, Gerard D’Aboville – siamo al secondo anno di vita di questa barca, che ora è dedicata alle spedizioni scientifiche e a scopi didattici al fine di sensibilizzare sull’uso di energie rinnovabili“.

Lascia un commento