64ma Centomiglia: i big tutti tra gli Open

Alla luce dell’esperienza maturata dopo lo svolgimento del Trofeo Gorla, il Comitato organizzatore ha deciso di ammettere alla 64ma Centomiglia le seguenti imbarcazioni, inserendole d’ufficio nella classe Open. Le barche sono Clan Grok, Stravaganza, Raffica e Grifo.

Questa è la nota diramata oggi pomeriggio dal Circolo Vela Gargnano. Alla luce della presente decisione questi scafi scatteranno dai porticciolo di Bogliaco e Marina di Bogliaco alle 9.30 di sabato mattina.

E’ questa l’ultima novità della grande attesa per la Centomiglia, la gara più affascinate in acque non marine. Alle 8.30 partiranno così le barche ORC, i monotipi, i cruiser; alle 9.30 le carene più veloci compresi i catamarani (come il tedesco It dei fratelli Sach del trofeo Gorla-50 Miglia di domenica scorsa) che saranno in gara per la MultiCento e il Trofeo dedicato al velista sebino Giorgio Zuccoli; alle 10.30 con la Cento Classica e la People, la prima per le barche costruite prima del 1980, l’altra per i progetti di velaterapia. In gara ci saranno i 5.50 metre, le Rennjollen, alcuni cabinati delle serie Comet, EC 21 e le danesi H Boat. Tra i progetti di vela terapia ci sarà Hyak Onlus del Cps di Salò diretto dal dottor Gigi Nobili.

Sarà una giornata di “vela globale”, su e giù per il Garda. Una regata del tutto particolare sarà quella del navigatore ligure Pietro Dalì, campione europeo con le barche olimpiche, randista di Luna Rossa, globetrotter in Oceano. Sarà al via, in solitario (grazie ad una wild card) con un Figaro, barca già utilizzata in Atlantico. Le classi monotipo con Asso 99, Dolphin, Ufo 22, Protagonist, Blu Sail, J-24, correranno un vero mondiale long distance, una gara che per molti durerà un giorno e una notte come vuole la migliore tradizione della vela d’altura.

In piazzetta a Bogliaco funzionerà un servizio ristoro curato dalla Pro Loco e la gara sarà commentata in diretta via Radio, oltre alle dirette sulle Tv dell’area del Benaco e sui vari siti compresa la seguitissima pagina Facebook della Centomiglia.

Lascia un commento