In piena notte ruba un vaporetto: «Dovevo tornare al Lido»

«Dovevo tornare al Lido e a quell’ora non c’erano più corse».

Sarebbe stata questa la giustificazione, a dir poco incredibile, fornita da un moldavo di 28 anni che, secondo quanto riportato da “La Nuova di Venezia”, avrebbe rubato un vaporetto l’altra notte.

Il furto, avvenuto pochi minuti prima delle 3, è stato scoperto praticamente in tempo reale dal personale della centrale Actv addetto al monitoraggio dei natanti attraverso il sistema di videosorveglianza che subito ha attivato il sistema gps per seguirlo.

A dare la caccia al fuggitivo si sono messi una pattuglia della polizia e un altro vaporetto, che è riuscito ad affiancarlo per tentare di fermarlo.

A metà tragitto è stato intercettato dalla pattuglia della polizia, che, visto che a bordo ignoravano l’ordine di fermarsi, ha tentato l’arrembaggio: un agente è riuscito a salire sul mezzo e ha ingaggiato una collutazione con il moldavo al timone, rimediando anche un pugno in faccia prima di immobilizzarlo e condurlo in carcere con l’accusa di rapina impropria e lesioni.

Lascia un commento