Il Mose ora mette a rischio regate e manifestazioni. A Chioggia la protesta di Circoli e Associazioni

Il posizionamento dei cassoni del Mose a Chioggia mette a rischio l’organizzazione e lo svolgimento di regate e manifestazioni. La protesta, dopo quella avvenuta nelle settimane scorse da parte di operatori turistici e pescatori, ora arriva dai circoli e associazioni sportive che gravitano nella cittadina lagunare.

Già nel weekend scorso, in occasione della prima interdizione del traffico marittimo tra le bocche di porto ne aveva fatto le spese la prima Regata delle Contrade organizzata dal Club Amici della Vela  che aveva visto il comitato organizzatore costretto a differirla.

Ne ha fatto le spese inoltre in questo fine settimana la Regata del Solstizio, organizzata dal Diporto Velico Veneziano con la collaborazione di Darsena Mosella che doveva partire da Venezia sabato mattina e arrivare a Chioggia nella stessa giornata in tempo per una serata già prenotata presso un locale di Sottomarina.

A preoccupare di più presidenti e direttori sportivi delle decine di circoli  e associazioni che da anni animano l’attività sportiva in città e richiamano persone da tutto il triveneto è il fatto che le date inizialmente individuate all’interno dell’ordinanza  n.41/2014 della Capitaneria di Porto non sembrano più essere così certe.

Domenica a Chioggia è in programma il  Trofeo Voltolina, organizzato dal Circolo Nautico Chioggia e valido come prova di campionato zonale classe optimist. L’apertura delle bocche di porto, prevista alle ore 11, non dovrebbe intralciare lo svolgimento della regata.

Lascia un commento