Il Mose e la chiusura del porto: continua la protesta degli operatori turistici chioggiotti

È destinata a non placarsi la scia di polemiche iniziata con la posa dei primi cassoni del Mose a Chioggia e la conseguente chiusura delle bocche di porto per 8 finestre operative della durata di 48 ore ciascuna.

Dura la presa di posizione di Gianni Boscolo Moretto, presidente di Chioggia Yacht Group, l’associazione di categoria che raggruppa una quindicina di porti turistici:“Siamo assolutamente contrari a questa chiusura. Si dovevano studiare altre modalità, il tempo per farlo c’era. La nautica, come tutti i settori, sta già soffrendo molto. Questo ulteriore problema è una mazzata non da poco che creerà grossi danni economici al settore.”

Forte la reazione anche nel mondo politico, con il capogruppo della Lega Nord in consiglio comunale Marco Dolfin che invita il Sindaco Giuseppe Casson a dimettersi:”Casson non sa tutelare gli interessi delle categorie, meglio che si dimetta subito – continua Dolfin – Se si arriva a chiudere il porto, senza che le categorie siano state coinvolte nella decisione significa che gli enti sovra comunali fanno a Chioggia quello che vogliono, in barba a tutto e a tutti. Dimostrazione lampante che la città non ha peso all’esterno e che il sindaco non riesce a farsi rispettare e a tutelare gli interessi delle categorie. Ma come si fa a chiudere la navigazione in piena stagione?»

La chiusura, salvo modifiche, proseguirà nei seguenti giorni: 7/8 giugno (sabato e domenica), 19/20 giugno (giovedì e venerdì),30 giugno/1 luglio (lunedì e martedì), 10/11 luglio (giovedì e venerdì), 21/22 luglio (lunedì e martedì), 31 luglio/1 agosto (giovedì e venerdì), 12/13 agosto (martedì e mercoledì), 25/26 agosto (lunedì e martedì).

Anche alla bocca di porto di Malamocco ben presto si procederà con la posa dei primi cassoni, sembrà però che la navigazione non sarà interdetta: in supporto ci sarà la conca di navigazione appena terminata che permetterà alla capitaneria di porto di non bloccare il traffico navale. La conca di navigazione misura 371 metri di lunghezza, 51 di larghezza e 13.5 di profondità. È stata realizzata per garantire l’operatività del porto e soprattutto per il traffico commerciale. Quando le paratoie del Mose saranno in funzione, infatti, le navi potranno ugualmente entrare e uscire dalla bocca di porto.

Lascia un commento