La Cinquecento Trofeo Phoenix del Circolo Nautico Santa Magherita: tutti i vincitori

Con l’arrivo di Garfield di Luca Pizzi e Marino Suban alle 01.07.08 di sabato 7 giugno 2014 si conclude ufficialmente la quarantesima edizione de La Cinquecento del Circolo Nautico Santa Margherita, regata d’altura sulla rotta Caorle-Sansego-Isole Tremiti-Sansego e ritorno.

Edizione ricca di emozioni, di storie di mare e di amicizia, di competizione e sano agonismo, tra i primi arrivati come nel gruppo di coda, che ha chiuso la regata con parecchie ore di distacco, perché come dicono molti partecipanti “finirla è un po’ vincerla”.

Come sempre, il risultato finale di questa lunga corsa nel mar Adriatico, in un tratto ricco di insidie e condizioni meteo-marine mutevoli, non ha mancato di lasciare sul proprio percorso vittime illustri per incoronare alla fine i sui re.

Black Angel, IMX38 di Paolo Striuli, caorlotto doc, in coppia con il lidense Marco Tapetto, sono i vincitori assoluti IRC della 500×2 2014.

Entrambi già vincitori in passate edizioni, Paolo Striuli in coppia con Paolo Favaro nel 2007 e con Roberto Scardellato nel 2009 e Marco Tapetto lo scorso anno in coppia con Manuel Costantin, hanno partecipato per la prima volta insieme.

“E’ la mia ottava partecipazione, la prima con Marco, un grande amico e un compagno che mi ha insegnato molto.” dichiara l’armatore Paolo Striuli all’arrivo “Ogni partecipazione a questa regata mi da qualcosa di nuovo, un’emozione sempre grande e sono molto felice per questo risultato.”

“E’ stata una regata entusiasmante” ha dichiarato il co-skipper Marco Tapetto, rientrato per la 500×2 da Capo Verde dove sta preparando per l’autunno la traversata atlantica con la moglie Ursula su una “sampierota”, tipica imbarcazione veneziana “l’Adriatico viene spesso sottovalutato, in realtà è un mare ricco di sorprese e la 500×2 ne è l’essenza, sia per le barche tecnologiche che per quelle amatoriali. Quando torni dopo una 500×2 senti la forza di questo mare cangiante, con venti che cambiano in poche ore, dalle assolate coste della Dalmazia, alle Tremiti che arrivano all’improvviso. L’ultima parte è la più tecnica, dal golfo di Trieste a Venezia tutto piò cambiare e tutta la conoscenza si infrange sull’Adriatico, che ha deimicroclimi particolari che fanno la felicità di chi partecipa a questa regata, rendendola mitica, da vedere e interpretare in ogni istante.”

Le classi IRC X2 vedono il successo di TWT UComm di Marco Rodolfi/Matteo Auguadro in classe O, secondi in Overall a pochi minuti di distacco da Black Angel, de La Dolce Vita di Berti Bruss in coppia con il velista non vedente Egidio Carantini in classe 1, ancora di Black Angel in classe 2 e di Pokekiakkere dei riminesi Alberto De Rossi e Fabio Pogliani in classe 3.

In ORC X2 successo per la coppia Silvio Sambo/Dario Malgarise su DemonX Aldo palmisano Int., che hanno tagliato il traguardo quarti assoluti della classe X2, giovedì 5 giugno alle 15.27.

In IRC XTutti confermato il successo di Duvetica W.G., che sale nel gradino più alto del podio anche in classe ORC XTutti, vittoria valida per il punteggio ai fini del Campionato Italiano Offshore e del Trofeo Sergio Masserotti-Armatore dell’Anno Uvai.

In IRC Xtutti classe 0 confermato il successo di Duvetica WG, in classe 1 si impone il bolognese Mauro Serra con l’X43 Alta Marea.

Le premiazioni si terranno unitamente a quelle de La Duecento, sabato 7 giugnoalle ore 19.30 in Piazza Matteotti a Caorle, presentate da Berti Bruss, velista e speaker radiofonico che saprà come sempre coinvolgere i partecipanti e tirare fuori le loro emozioni, spirito immutato del fascino della prima regata in doppio ideata nel Mediterraneo.

Nel corso delle premiazioni verranno assegnati anche i Trofei Line Honours Paulaner X2 e Xtutti de La Duecento, i Line Honours Phoenix X2 e Xtutti de La Cinquecento, il premio speciale BIM “Due uomini, una barca, un’impresa” e il Trofeo Challenge Leonardo Bronca, al miglior risultato della coppia più giovane alla 500×2, i bravissimi Marco Rodolfi e Matteo Auguadro su TWT UComm.

A seguire per tutti i partecipanti a La Duecento e La Cinquecento edizioni dell’anniversario, in Spiaggia di Levante si terrà il Beach Party Paulaner, durante il quale rilassarsi e scambiarsi racconti ed esperienze.

La regata, valida per l’assegnazione del titolo nazionale di Campione Italiano Offshore FIV e per il Trofeo Sergio Masserotti-Armatore dell’anno UVAI è sponsorizzata da Phoenix Informatica Bancaria SpaBIM-Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni, con la partnership di Slam, Balan, Acqua San Benedetto, Meteo Sport, Paulaner, Techimpex, Cantina Colli del Soligo, Marina di Sant’Andrea, Istituto Lepido Rocco e con il contributo e del Comune di Caorle.

CLASSIFICHE PROVVISORIE LA CINQUECENTO 2014

IRC X2 Overall: Black Angel (Paolo Striuli/Marco Tapetto)

IRC X2 classe 0: 1. TWT UComm (Marco Rodolfi/Matteo Augudro) 2. Wanderlust (Furio Gelletti/Franco Ferluga) 3. Big Speedy (Thomas Rauch/Gudrun Rauch)

IRC X2 classe 1: 1. La Dolce Vita (Berti Bruss/Egidio Carantini) 2. Calliope per Emergency (Luciano Tronchin/Marco Marin) 3. Duna (Ernesto Pernat/Fabio Brisolin)

IRC X2 classe 2: 1. Black Angel (Paolo Striuli/Marco Tapetto) 2. Demon X Aldo Palmisano Int. (Silvio Sambo/Dario Malgarise) 3. Andrebora (Roberto Mattiuzzo/Francesco De Cassan)

IRC X2 classe 3: 1. Pokekiakkere (Alberto De Rossi/Fabio Pogliani) 2. Sipi’s Song Moreno Motor Co. (Dezio Paoletti/Marco Angi) 3. Velenosa (Marco Valentini/Fausto Cavina)

ORC X2 Overall: 1. Demon X Aldo Palmisano Int. (Silvio Sambo/Dario Malgarise) 2. Andrebora (Roberto Mattiuzzo/Francesco De Cassan) 3. Iaiai Masso Ind. (Marcello Queirolo/Paolo Favaro)

IRC XTutti Overall: Duvetica W.G. (Sergio Quirino Valente)

IRC XTutti classe 0: 1. Duvetica W.G. (Sergio Quirino Valente) 2. Dara 3 (Bisetto-Morelli We Sailing Team) 3. Vulcangas (Enrico Fabbri)

IRC XTutti classe 1: 1. Alta Marea (Mauro Serra) 2. Super Atax (Marco Bertozzi) 3. X-Sea Io regato x Emma (Mario Mantegazza)

ORC XTutti Overall: 1. Duvetica W.G. (Sergio Quirino Valente) 2. 2. Dara 3 (Bisetto-Morelli We Sailing Team) 3. Il Moro di Venezia XXVII (Alessandro Narduzzi)

Lascia un commento