Mose: a Chioggia da questa notte fino a lunedì chiusura totale della bocca di porto

Dal 7 giugno iniziano le operazioni di posa dei cassoni del Mose alla bocca di porto di Chioggia. La movimentazione avverrà nel periodo compreso tra giugno e settembre, in giorni stabiliti dalle Autorità preposte e comunicate volta per volta agli organi di informazione e attraverso i canali della Capitaneria di Porto di Chioggia.

La movimentazione rende necessaria la chiusura totale della bocca di porto alla navigazione in entrata e in uscita per 48 ore consecutive. Questo per garantire la massima sicurezza durante le operazioni di varo e posa dei cassoni (saranno anche presenti operatori subacquei).

In ottemperanza all’ordinanza n. 41/2014 della Capitaneria di Porto di Chioggia del 3 giugno, si informa che la prima data ritenuta utile è quella del 7/8 giugno prossimi. Ognuna di queste date “finestra” è, comunque, soggetta a variazioni in quanto la movimentazione dei cassoni può avvenire solo a determinate condizioni meteomarine e quindi, volta per volta, sarà data ampia informazione sulle eventuali nuove “finestre” di chiusura della bocca di porto, con provvedimento che sarà disposto dalla Capitaneria di Porto.

Il transito tra le dighe foranee del porto di chioggia è interdetto dalle ore 05:00 del 7 giugno 2014 alle ore 05:00 del 09 giugno 2014, salva fatta l’eventuale prosecuzione dei lavori.

La chiusura totale di 48 ore nelle varie data-finestra indicate è resa necessaria per evitare qualsiasi pericolo per gli operatori e per i natanti. L’obiettivo è quello di garantire la sicurezza dei naviganti. Oltre ai due mezzi nautici sempre presenti, il Consorzio Venezia Nuova predisporrà, all’entrata e all’uscita della bocca di porto, dei “segnalamenti luminosi” e dei dispositivi ottici riflettenti, per segnalare il divieto di accesso.
L’appello alla responsabilità e al senso civico di tutti coloro che d’abitudine o per svago attraversano la bocca di porto di Chioggia è condiviso da tutte le Autorità interessate.

Clicca qui per leggere le ordinanzie

Ord. 41/2014

Ord. 42/2014

Lascia un commento