Fantastica vince la nuova Regata d’Altura sul Garda

Il Proteus 90 Fantastica con un equipaggio al 100% Yachting Club Torri (Pighi, Sartori, Bottacini, Gandini, Aldrighetti, DalBosco) vince dominando la prima edizione della nuova Regata d’Altura sul Lago di Garda caratterizzata oltre che dalla lunghezza del percorso ormai inusuale per il lago di quasi 90 miglia anche dalla possibilità di seguire in diretta gli sviluppi con un sistema di tracking on line installato su ogni imbarcazione

In partenza alle 14:00 da Torri del Benaco, oltre agli equipaggi in gara, si è presentata un’Ora leggera che comunque ha spinto gli equipaggi fino a Riva per il giro della prima boa anche se con un calo vistoso ma momentaneo verso Campione.
Sempre un’aria non intensa ha condotto le imbarcazioni, a quel momento ancora unite, alla prima discesa fino a Malcesine.
Il calare dell’Ora ha agevolato Fantastica che davanti al gruppo è riuscita a rimanere nell’ultimo sbuffo di vento da Sud prima e da Ovest dopo che li ha condotti, pur non senza qualche difficoltà, fino a Peschiera.

Proprio nella notte Fantastica, navigando sempre sui bordi giusti, ha fatto il vuoto dietro di se, mentre gli altri equipaggi facevano fatica ad avanzare ha tenuto costantemente la barca in velocità cercando tutte le brezze e gli sbuffi fino alla boa del basso lago. Complessa l’uscita da Peschiera, con una leggerissima Gardesana a tratti, nella speranza vana di vedere i primi sbuffi di Peler che non giungerà mai.

All’altezza del “Pal del Vo'”, invece, inaspettata ma dolcissima è giunta ad un orario insolito una riga di Ora prima calma, dolce e per tempo irraggiungibile, poi decisa a 25 nodi verso l’alto Lago che ha consentito a Fantastica di mantenere abbondantemente la testa della regata sia nella salita velocissima di Spi fino a Riva e poi, girata per la seconda volta la boa dell’alto Garda, di bolinare fino a Torri arrivando alle 17:13 del pomeriggio dopo 27 ore 13 minuti 18 secondi di navigazione.

Un tempo che, stimato più volte, può rimanere un Record da battere.

Lascia un commento