Spettacolare parata di vele alla partenza della ventesima La Duecento

 

Caorle ha salutato oggi venerdì 9 maggio la partenza della ventesima edizione de La Duecento del Circolo Nautico Porto Santa Margherita in un mare affollato di barche ad alto tasso tecnologico e velisti competitivi, tutti ingredienti che stanno rendendo la regata sulla rotta Grado-Sansego-Caorle un’incognita tanto sportiva quanto affascinante.

La partenza, data regolarmente alle ore 11.00 dal Presidente Tito Morosetti con una brezza di circa 5 nodi sotto un sole splendente, ha visto la maggior parte dei concorrenti scegliere un’avvio aggressivo, tanto che Luna per Te dello Sporting Club Duevele è entrata in collisione con la barca giuria ed è stata protestata da Chocolat di Leone Lorenzoni.

A-Team caorle la duecento circolo nautico santa margherita edizione ventesima vela veneta velavenetaA-Team di Giorgio Martin, con il triestino Stefano Spangaro al timone, ha scelto invece la partenza libera in boa per virare quindi sulla linea, e guadagnare così subito la testa della flotta passando prima assoluta il cancello della boa di disimpegno posta di fronte alla Chiesa della Madonna dell’Angelo.

Partenza convinta anche per Fanatic, Luffe54 d’antan timonato da Alex Peresson, all’inseguimento del ben più giovane TP52 A-Team. Terzo assoluto Città di Grisolera, prima imbarcazione della classe 200×2 con la coppia formata da Franco Daniele e Cesare Bressan che tornano a regatare insieme dopo la 500×2 del 2008.

Quarta imbarcazione a passare il cancello è stata l’Arya 415 Duvetica White Goose con Alessandro Marega al timone, seguita dall’equipaggio ceco-sloveno del Cass40 Fulcrum II, Margherita di Piero Burello, Victor-X di Vittorio Margherita, Selavy di Gianni Montagner, Vulcangas di Enrico Fabbri, Gioben’s di Antonio Atza, Dara 3 con Andrea Boscolo al timone, Demon-x di Borgatello-Lombardi e quindi Blucolombre, inossidabile First 40.7 di Massimo Juris/Pietro Luciani, secondi della classe X2, seguiti da Boè di Ugo Campaner e La Dolce Vita di Tommaso Comelli con Berti Bruss alla tattica.

Su 69 iscritti qualche problema tecnico ne ha stoppati un paio ovvero Mummy One e Atame! il cui armatore Beppe Bisotto ha però trovato imbarco su Alu, Felci 61 di Luciano Agostini, imbarcazione partita attardata di quasi un’ora avendo l’equipaggio deciso all’ultimo momento la sostituzione dell’albero.

Dopo poche miglia dalla partenza, l’ingresso di un vento termico dal secondo quadrante intorno agli otto nodi ha gonfiato le vele di prua e la flotta ha preso il largo in direzione di Grado.

Le previsioni meteo, accuratamente illustrate da Andrea Boscolo nell’affollato skipper meeting di ieri, raccontano di una prima parte di regata con venti leggeri, che potrebbero intensificarsi nel corso della serata di sabato, con temporali sparsi. Con una previsione di questo genere la conoscenza delle zone costiere lungo le quali si svolge la discesa verso Sansego  e la tattica potranno fare la differenza nel risultato finale.

I primi passaggi al check-point di Sansego dovrebbero avvenire nella notte per il gruppo di testa guidato dagli scafi più grandi e performanti. I passaggi e la traccia delle imbarcazioni partecipanti possono essere seguiti nella sezione Tracking delsito www.lacinquecento.com.

La Duecento 2014 è organizzata dal Circolo Nautico Porto Santa Margherita in collaborazione con Marina 4, con la partnership di Paulaner, Slam, Acqua San Benedetto, Techimpex, Marina di Sant’Andrea, l’isituto Lepido Rocco il patrocinio e contributo del Comune di Caorle, il patrocinio di Provincia di Venezia e Regione Veneto.

 

Lascia un commento