Team Italy prova il GC 32, guarda le foto

È sceso in acqua, ad un anno esatto dal secondo posto ottenuto nell’Extreme 40 Pirelli Regatta di Santa Margherita Ligure, Team Italy. Lo fa in occasione dell’invito ricevuto dal management della classe GC32 che in Francia, a La Grande Motte, ha organizzato un sailing test per far conoscere a professionisti e addetti ai lavori la versione foiling del già affermato catamarano prodotto dalla Premiere Composite a partire dalla fine del 2012. Tra i presenti oggi anche il coach di Oracle Team USA, Philippe Presti, e lo staff di Sailing Anarchy, guidato da Alan Block.

Entusiasta, al termine della prova il team manager Enrico Zennaro,che in vista della trasferta francese ha voluto puntare su un equipaggio che unisce il talento di Francesco Marrai e Martino Tortarolo, giovani promesse della vela italiana già organici al team che prese parte alla Red Bull Youth America’s Cup di San Francisco, all’esperienza di un fuoriclasse come Tommaso Chieffi, tattico di Team-Italy in occasione della Extreme 40 Pirelli Regatta. “Queste barche sono incredibili -spiega Zennaro –  la velocità fa paura. Oggi in una ingavonata ho perso gli occhiali da sole perché sono stato travolto dall’acqua. Con sedici nodi di vento abbiamo toccato ventotto nodi di velocità. Al termine di questa esperienza mi ritrovo con le vesciche alle mani, proprio come accadeva qualche anno fa ai tempi del Laser”.

Circa l’attività futura di Team-Italy, Zennaro spiega: “Siamo in attesa di informazioni in merito a un’eventuale seconda edizione della Red Bull Youth America’s Cup per lanciare una nuova sfida italiana sotto le insegne di Team-Italy. Speriamo che assieme al Protocollo della 35ma America’s Cup, la cui pubblicazione è attesa a breve, il Defender comunichi le sue intenzioni in merito. Per quanto riguarda Team-Italy il fund rising non si è mai fermato, ma è ovvio che per proporre ai potenziali partner programmi concreti, e con essi piani di investimento a lungo termine, c’è bisogno di certezze“.

Lascia un commento